ladraditempo

Le avventure della ragazza cattiva | Ma parecchio cattiva…

In alibrochiuso, preferiti on luglio 18, 2009 at 6:54 pm
Le avventure della ragazza cattiva

Ricardo conosce la "ragazza cattiva" da adolescente, a Lima, e per trent'anni la rincorre in lungo e in largo per il mondo, colpito da un amore folle e sconsiderato. Lei ama nascondersi sotto false identità, è sempre in fuga da qualcosa, irretita da ideali politici, alla ricerca di libertà, ma anche di patrimoni da depredare. Ogni volta Ricardo è lì a proteggerla. E ogni volta lei riprende la sua via di fuga.

Per tagliare il nastro di partenza del mio nuovo blog decido di consigliarvi un libro che ho trovato bellissimo, e che spero ci porti fortuna.  Le avventure della ragazza cattiva, afferrato di corsa da Feltrinelli con la seria convinzione di voler diventare a tutti i costi una nina mala. Ma si si, sto scherzando! 🙂

Il titolo e la foto di copertina hanno certamente invogliato il mio desiderio di averlo in libreria…

Rare volte un libro riesce a catturarci dalla prima riga. Sono stata così ferocemente risucchiata dalla storia della nina mala e Ricardo che mai mai mai, per nulla al mondo, avrei chiuso le pagine con la voglia di prendere una boccata d’aria.

Lo stile dell’autore non si sforza di essere ricercato, sebbene le descrizioni siano abiti stretti che fasciano il racconto e ci lasciano immaginare, ascoltare, sentire.

I profumi dei luoghi attraversati dal pichiruchi; le huachaferìas con cui si sottomette alla peruanita – unico tremendo amore della sua vita – ce la fanno amare anche quando si sforza di odiarla con tutto se stesso, ce la fanno desiderare come protagonista anche quando la rifiuta e si butta a capofitto nel lavoro di traduttore in giro per il mondo.

I sorrisi di Miraflores, un bistrot di Parigi, le vie di Madrid, l’eleganza di Vienna, le ossessioni del Giappone, Roma…
… nessun luogo è mai troppo lontano per un sentimento che non ha casa, nome, documenti, regole…

Perché forse l’amore non ha termini e scadenze quando meno assomiglia a quello delle favole.

Annunci
  1. una lettura che certamente prende da subito e va avanti veloce.
    a tratti viene in mente il vecchio schtch di pasquale di totò e amrio castellani e si legge, si legge, per vedere “questo cretino dove vuole arriavre”.
    e lui arriva sempre un po’ più in là di quello che ci aspetta, nonostante la nina mala, beh, sia mala davvero…

    e non si riesce nemmeno a trovarla odiosa questa multiforme ragazzetta egoista e presuntuosa che finisce quasi per essere simpatica….

    quello che mi veniva da pensare dopo aver letto questa storia d’amore (che alla fine di questo si tratta) è che forse la cilenita, la guerrigliera, mme robert arnoux, la signora della buona società inglese, la giapponesina sottomessa non erano la stessa persona, ma tante ragazze cattive delle quali era costellata la vita del protagonista.
    tutte variazioni sul tema di quell’unico modello originale, che era la cilenita, grande amore dell’adolescenza, unica età nella quale davvero si ama incondizionataemnte, senza calcoli, senza se e senza ma, unica età nella quale “per sempre” è davvero per sempre.
    come se, cercando sempre lo stesso modello di ragazza, il nostro ricardito eternasse quell’amore antico al quale, in cuor suo, sarebbe rimasto sempre fedele, anche quando ricolto a visi e personalità diverse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: